Segui

Che cos'e il mittente personalizzato?

María Luisa Duque

È l'indirizzo e-mail completo che si usa per inviare campagne mails, nome@latuaazienda.com .  Questo tipo di domini o mittenti personalizzati sono meglio interpretati nei processi di consegna (delivery) e rafforzano l'immagine della marca agli occhi dei clienti e dei lettori.

Vediamo un esempio reale:

mceclip0.png

In questo caso, possiamo notare che l'email è stata inviata "da: sabino.sanseverino@mdirector", quest'indizzo si tratta di un mittente personalizzato; che sarebbe: nomedelmittente@dominiopersonalizzato.com

Il nome scelto come mittente personalizzato per l'invio di campagne di email marketing non è un dettaglio da prendere alla leggera, considerando che i diversi clienti di posta elettronica (Gmail, Hotmail, Yahoo, tra gli altri) fanno considerazioni sul nome stesso in relazione alla sua reputazione; e anche in relazione alle sue configurazioni di dominio o protocolli di autenticazione (SPF, DKIM, DMARC), di cui parleremo tra poco: per sapere come stabilirli e configurarli in modo effettivo.

 

Una delle nostre (MDirector) prime raccomendazioni è di non usare mittenti del tipo noreply@latuaazienda.com ; principalmente perchè l'uso del noreply non favorisce l'  engagement con gli iscritti destinatari delle campagne. 

La configurazione del mittente è cruciale per evitare di cadere nello spam, o per evitare di essere bloccati per la mancanza di una configurazione (SPF, DKIM, DMARC) adeguata.  Cosa vuol dire? Che il mittente personalizzato deve essere verificato ed autenticato correttamente. Con queste verifiche e autenticazioni dimostriamo di avere autorizzazioni per inviare per conto di, in questo caso per conto della tua azienda. In poche parole, questa autenticazione è una misura di sicurezza che dimostra che nessun altro può inviare per conto tuo, ed inoltre assolutamente ben valutata da parte dei domini destinatari (i tuoi iscritti) durante il processo di "consegnabilità" o deliverability. 

Per la configurazione del mittente personalizzato è necessario avere l'accesso all'inserimento dei record TXT nel server DNS (Domain Name System) che si vuole personalizzare. Cosa vuol dire? Che si deve disporre di un servizio di hosting DNS. Esistono tantissime aziende dove può comprare hosting DNS. 

Il processo di personalizzazione del mittente è diviso in due fasi. La prima fase deve essere realizzata dagli amministratori dei server DNS del cliente, cioè deve essere realizzata da te. La seconda fase è realizzata dagli amministratori di MDirector. Questa seconda fase si potrà realizzare solo dopo che il cliente abbia realizzato la configurazione della prima fase. 

 

Esistono 3 protocolli di autenticazione: SPF, DKIM y DMARC. Tuttavia, quest'utlimo non è una configurazione obbligatoria bensì facoltativa per l'uso di MDirector. La configurazione del SPF e DKIM sono obbligatorie per gli invii con mittente personalizzato utilizzando la nostra  piattaforma MDirector

 

Per maggiori informazioni, esponiamo di seguito i dettagli di alcuni termini chiave: 

DNS

Il DNS è una base di dati distribuita e gerarchica che immagazzina informazione associata a nomi di dominio in reti come Internet. Anche se come base di dati il DNS è capace di associare differenti tipi di informazione per ogni nome, gli usi più comuni sono: l'assegnazione di nomi di dominio a indirizzi IP e la localizzazione dei server di posta elettronica di ogni dominio.  Nel caso concreto di questo documento sono importanti 2 tipi di record associati al DNS. Questi 2 registri sono il TXT e il MX. 

Record MX

Un Record MX o Mail eXchange Record (record di scambio di mail) è un tipo di record, una risorsa DNS che specifica come deve essere indirizzata una mail online. I record MX puntano ai server ai quali inviano una mail e a quale di questi deve essere inviato per primo, per priorità. Quando un messaggio mail è inviato attraverso Intenet, il mittente (l'agente di trasferimento mail - MTA Mail Transfer Agent) fa una petizione al DNS chiedendo il record MX per i nomi dei domini dei destinatari. 

Il nome del dominio è la parte dell'indirizzo mail che va dopo l'@.  Questa richiesta dà in cambio una lista di nomi di domini di server di scambio mail che accettano posta in arrivo per questo dominio, insieme ad un numero di preferenza. Dopodichè l'agente emissore (o mittente) prova a stabilire una connessione SMTP (Simple Mail Transfer Protocol, Protocollo Semplice di Trasferimento Mail) verso uno di questi servers, cominciando da quello con il numero di preferenza più piccolo ed inviando il messaggio al primo server con cui può stabilire una connessione. Se non ci sono record MX disponibili, una seconda petizione viene inviata al record A (A Record) del dominio.

Record TXT

TXT - (Informazione testuale) permette ai domini di identificarsi in forma arbitraria.

From

Mittente di un invio. Campo “Da:” dell'immagine precedente.

Sender

La funzione di questo campo è quella di permettere di poter firmare le mail con un un dominio differente da quello contenuto dal campo "From". Così facendo evitiamo cattive reputazioni dei domini e ci assicuriamo di iniziare sempre con un sub-dominio nuovo o che, nel peggiore dei casi, solo sia stato utilizzato per inviare con un'altra piattaforma. Se nel campo Sender aggiungiamo un dominio/subdominio diverso da quello del "From", l'applicazione aggiungerà un'intestazione del tipo: 

nomefrom=dominio.com@dominiosender.com Se aggiungiamo un indirizzo di posta completo, come nell'esempio, l'intestazione Sender prenderà questo valore direttamente. 

SPF

L'SPF, o Sender PolicyFramework per le sue sigle in inglese, è un sistema di verifica e autenticazione che vincula le IPs autorizzate ad inviare un nome di un dominio concreto. Vuol dire che il tuo invio potrà inviare attraverso le nostre IPs inserendo nel tuo DNS il record TXT pertinente. Così facendo, autorizzi alle nostre IPs a poter invire con il tuo dominio personalizzato. 

DKIM

Il DKIM, o Domainkey Identified Mail per le sue sigle in inglese, vincula il dominio al messaggio che invia. Il DKIM firma ogni mail con il suo nome di dominio. Questo assicura che una mail non sia stata aterata nel trasferimento. Tecnicamente, il DKM usa crittografia di chiave pubblica. MDirector o la piattaforma di Email Marketing dispone della chiave privata e tu come cliente disponi della chiave pubblica. Quando entrambe corrispondono, l'autenticazione è corretta. . 

DMARC (non è obbligatorio per inviare con MDirector)

Il DMARC, o Domain Message Authentication Reportingand Conformance per le sue sigle in inglese, completa e autentica, sia l'che il DKIM. Cioè:  controlla che le due autenticazioni anteriori siano corrette. E si tratta di un record TXT facoltativo.

 

Per configurare il tuo mittente personalizzato, fai click in questo link:  Configurare il Mittente Personalizzato.

Questo articolo ti è stato utile?
Utenti che ritengono sia utile: 1 su 1
Altre domande? Invia una richiesta

Commenti

Powered by Zendesk